Lo spot di META per il Super Bowl LVI

  • Articolo pubblicato:Febbraio 11, 2022
  • Categoria dell'articolo:META / Sport
  • Commenti dell'articolo:1 commento

Domenica 13 Febbraio (Lunedi 14 alle 00:30 in Italia) sarà il giorno del Super Bowl. La finale del campionato di football americano statunitense (NFL), è il principale avvenimento sportivo degli Stati Uniti e viene trasmesso in televisione fin dalla prima edizione. Negli Stati Uniti l’evento tende ad avere un pubblico televisivo tra i 90 e 110 milioni, nel resto del mondo, il pubblico è di oltre un miliardo di spettatori.

A partire dal famoso spot della Apple Computer in stile 1984 di Orwell, diretto da Ridley Scott, che annunciava l’uscita dell’Apple Macintosh, la diretta televisiva del Super Bowl è diventata la principale vetrina per spot stravaganti e costosi.

Meta ha rilasciato una versione di 90 secondi dello spot del Super Bowl intitolato “Old Friends, New Fun” con lo scopo di presentare al pubblico i dispositivi Meta Quest 2.

Lo spot si apre in una catena immaginaria di pizza anni 90 chiamata Questy’s, dove una band dai componenti in forma animatronica chiamata The Cometeers suona la canzone “Don’t You (Forget About Me)” dei Simple Minds.

Sia la locanda che la band nello spot nel corso degli anni subiscono un repentino declino: la catena Questy’s da un chiassoso ritrovo diventa un marchio in bancarotta, in cui tutte le parti vengono vendute, l’insegna al neon del Questy viene sostituita da uno striscione “chiuso per sempre”.

La band si divide e lo spot segue le disavventure del front “man”, che viene spostato dal banco dei pegni, ad un campo di mini golf, al karaoke per poi essere buttato sul ciglio della strada. Recuperato da un cassonetto viene messo nel “Bosworth Space Center”. Al cui interno è presente una mostra spaziale attraverso i visori Quest VR. Quando la mostra si chiude di notte, il cane viene lasciato con il visore e apre gli occhi per entrare nel metaverso.

Lo spot si conclude con il gruppo che si riunisce dalle loro località remote per esibirsi in un Questy ricostruito nella realtà virtuale.

Tuttavia, lo spot ha un disclaimer: “Immagini dello schermo simulate e non rappresentative del nostro prodotto attuale. L’esperienza dell’utente varierà”. Questo sta a dimostrare che la strada per arrivare al definitivo Metaverso è ancora lunga.

L’obiettivo di Meta è mostrare ciò che sarà disponibile nel Metaverso, rispetto a ciò che era possibile fare adesso o molti anni fa. Il Questy, il locale anni 90 dello spot, è probabilmente una metafora di Internet e Facebook stesso, che presto sarà “chiuso per sempre” per far posto ad una nuova concezione di social network più futuristico. Per un passaggio completo dal 2D al 3D, l’utilizzo dei visori è un passo fondamentale e con questo spot Meta cerca di convince l’ampio pubblico all’utilizzo del META Quest 2.

Condividi

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento