Il supercomputer più veloce al mondo per creare il Metaverso

  • Articolo pubblicato:Gennaio 24, 2022
  • Categoria dell'articolo:META
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Meta annuncia di aver progettato e costruito AI Research SuperCluster (RSC), che sarà il supercomputer di intelligenza artificiale più veloce al mondo quando sarà completamente costruito a metà del 2022.

Nel lungo post di presentazione, si legge che: L’RSC aiuterà i ricercatori di intelligenza artificiale di Meta a costruire nuovi e migliori modelli di intelligenza artificiale che possono imparare da trilioni di esempi; lavorare in centinaia di lingue diverse; analizzare insieme senza soluzione di continuità testo, immagini e video; sviluppare nuovi strumenti di realtà aumentata; e altro ancora.

I primi benchmark su RSC, rispetto all'infrastruttura di ricerca e produzione legacy di Meta, hanno dimostrato che esegue flussi di lavoro di visione artificiale fino a 20 volte più velocemente, esegue la NVIDIA Collective Communication Library (NCCL) più di nove volte più velocemente e addestra modelli NLP su larga scala tre volte più veloce. Ciò significa che svolge lo stesso lavoro in tre settimane, rispetto alle nove settimane prima.

I supercomputer con intelligenza artificiale sono costruiti combinando più GPU in nodi di calcolo, che vengono quindi collegati da un tessuto di rete ad alte prestazioni per consentire una comunicazione rapida tra quelle GPU. RSC oggi comprende un totale di 760 sistemi NVIDIA DGX A100 come nodi di elaborazione, per un totale di 6.080 GPU, con ciascuna GPU A100 più potente della V100 utilizzata nel nostro sistema precedente.

Fino al 2022 l’obiettivo sarà quello di aumentare il numero di GPU da 6.080 a 16.000, il che aumenterà le prestazioni di allenamento dell’IA di oltre 2,5 volte.

Un tale cambiamento di funzione nella capacità di calcolo consentirà non solo di creare modelli di intelligenza artificiale più accurati per i servizi già esistenti, ma anche di creare le tecnologie fondamentali che faranno nascere il metaverso.

Condividi

Lascia un commento